Scuole e Corsi
  Corsi Professionali
  Fai da te
  Viaggi
  Telefonia
  Musica
  Informatica
  Videogiochi
  Fotografia
  Video
  Audio
  Elettrodomestici
  Climatizzazione
  Sport
  Motori
  Ottica
  Animali
  Salute e Bellezza
  Moda
  Curiosità

Vai alla pagina Facebook   Vai alla pagina Twitter

Sostituire un alimentatore del pc

Condividi la pagina con i tuoi amici!

Cambiare l’alimentatore del computer è molto facile, ma ci vuole un po’ di attenzione per collegare al posto giusto tutti i cavetti. Per evitare danni, è importante scollegare dal computer tutti i cavi esterni e mettere l’unità centrale su un piano di lavoro comodo e ben illuminato.

  • Scolleghiamo tutti i cavi: Prima di smontare il vecchio alimentatore dovete scollegare tutti i suoi cavi di uscita dai connettori della scheda madre e delle periferiche. Prendete nota della posizione e dell’orientamento dei connettori, così potrete inserire quelli del nuovo alimentatore senza sbagliare. Per sganciare i connettori che vanno alla scheda madre, premete la linguetta di sblocco che sta su uno dei lati e poi tirate il connettore. Non dovete fare forza sui cavi, che possono spezzarsi, ma solo sul blocco di plastica del connettore. Se i cavi dell’alimentatore sono bloccati assieme a quelli dei dati dalle fascette a strappo, dovete tagliarle con una forbice facendo attenzione a non danneggiare i conduttori.
  • Smontiamo il vecchio alimentatore: Il vecchio alimentatore si può smontare dal telaio del PC solo dopo aver scollegato i cavi. Appoggiate l’unità centrale sul fianco, poi togliete le viti che bloccano l’alimentatore al cabinet. Normalmente l’alimentatore è tenuto fermo da quattro viti sul pannello posteriore del computer, ma in alcuni modelli ci sono altre due viti sulla staffa interna. In alcuni computer compatti l’alimentatore è fissato a un supporto che scorre a incastro in un vano del telaio. In questo caso dovete spostare la leva di sblocco per estrarre l’alimentatore, poi potrete separarlo dalla slitta togliendo le viti che la bloccano. Se non potete appoggiare il computer sul fianco, tenete fermo l’alimentatore con una mano mentre togliete le viti: non deve rischiare di cadere sulla scheda madre, perché è pesante e potrebbe romperla.
  • Montiamo il nuovo alimentatore: Avvitate il nuovo alimentatore al posto del vecchio. Se ha una ventola fissata sul lato interno, dovete rivolgerla verso il dissipatore di calore della CPU: non vi preoccupate se in questo modo l’etichetta dell’alimentatore rimane capovolta. Se il telaio del computer ha una sporgenza che copre in parte l’apertura su cui si affaccia la ventola interna del nuovo alimentatore, dovete piegarla delicatamente in modo che la ventola non resti ostruita. Tenendo fermo l’alimentatore con una mano, inserite le viti che lo fissano al pannello posteriore del computer, senza stringere a fondo. Quando tutte e quattro le viti sono al loro posto, stringetele per fissare bene l’alimentatore in posizione. Se l’alimentatore è un modello potenziato più profondo del normale, potreste essere costretti a spostare più in basso il masterizzatore per liberare spazio.
  • Colleghiamo i cavi: A questo punto Inserite i cavetti dell’alimentatore nei connettori corrispondenti, iniziando da quelli per la scheda madre. Non dimenticate il cavetto a 4 oppure 8 conduttori che si innesta vicino allo zoccolo della CPU: il computer potrebbe accendersi anche se il connettore non è collegato, ma la scheda madre si potrebbe guastare appena avvierete una elaborazione intensa. Ripiegate con cura l’eccedenza dei cavi che si innestano sulla scheda madre. Non devono essere liberi di muoversi nel cabinet, perciò dovete fissarli attorno al dissipatore di calore o contro le schede di espansione; se necessario li potete bloccare con legacci o con fascette di nylon. Una volta collegata la scheda madre, inserite i cavi di alimentazione delle periferiche.
  • L’ordine prima di tutto: Se l’alimentatore ha cavetti in eccesso, bisogna ripiegarli con cura e spingerli in un vano frontale per periferiche. Quando un cavo per le periferiche ha più connettori del necessario, usate quelli più vicini all’alimentatore lasciando scollegati quelli all’estremità del cavo. I cavetti giallo/neri che terminano con un connettore a 6 contatti si usano per alcune schede grafiche ad alte prestazioni, e li potete lasciare scollegati se il PC ha una scheda grafica standard. Il cavo a 24 conduttori per la scheda madre entra anche nel connettore di vecchia generazione a 20 poli, che è sagomato per consentire l’inserimento solo con il giusto orientamento.
  • Se non parte verifichiamo: Prima di chiudere il coperchio del computer, provate ad accenderlo per verificare se le pale delle ventole girano liberamente senza entrare in contatto con i cavetti. Se il computer non si accende, scollegate la sua presa di corrente a 230V e poi il connettore principale di alimentazione della scheda madre. Verificate se tutti i contatti sono integri e al loro posto. Verificate anche se i cavi del pannello frontale e quelli della ventola della CPU sono ancora innestati nei loro connettori, e se il cavetto giallo/nero per l’alimentazione della CPU è innestato a fondo nel suo connettore sulla scheda madre. A volte inserendo i connettori dell’alimentatore la scheda grafica esce dallo slot perché la scheda madre si flette leggermente. Controllate se è ben inserita, e provate a spingerla a fondo in posizione.

Corsi di Tecnico Hardware Per approfondire
le offerte di formazione professionale e specializzazione per i
Corsi di Tecnico Hardware,
visita il sito di Accademia e Lavoro


 
Powered by Area MediaWeb - 2019
P.IVA 02565690167 - Privacy Policy