Scuole e Corsi
  Corsi Professionali
  Fai da te
  Viaggi
  Telefonia
  Musica
  Informatica
  Videogiochi
  Fotografia
  Video
  Audio
  Elettrodomestici
  Climatizzazione
  Sport
  Motori
  Ottica
  Animali
  Salute e Bellezza
  Moda
  Curiosità

Vai alla pagina Facebook   Vai alla pagina Twitter

Manutenzione della pompa di calore

Condividi la pagina con i tuoi amici!

L'evoluzione delle tecnologie, per il caldo e la climatizzazione in generale, ha permesso la disponibilità in commercio di pompe di calore (climatizzatore che funziona in riscaldamento) con coefficienti di prestazioni COP (Coefficient of Performance) particolarmente elevati. Generalmente superiori a tre, per le moderne pompe di calore o climatizzatori, i COP rappresentano il rapporto di trasformazione tra energia termica prodotta ed energia elettrica assorbita da tali macchine, misurati in condizioni standard di riferimento e riportati sui dati di targa delle stesse macchine. Al fine di non ledere le prestazioni delle pompe di calore, e delle macchine di climatizzazione in generale, è necessario effettuare il minimo della manutenzione che ne assicura il corretto funzionamento; la manutenzione è necessaria periodicamente e soprattutto all’inizio dei periodi di lungo utilizzo, come l’autunno e/o l’inverno. La manutenzione di una pompa di calore che può essere effettuata semplicemente, senza l’ausilio dell’assistenza tecnica consiste fondamentalmente nella pulizia di alcune parti, tra cui il filtro dell’aria ed un trattamento antibattericida dello scambiatore della macchina interna, comunemente detta split. Generalmente lo split ha una griglia mobile, per l’aspirazione dell’aria, che costituisce parte della sua carcassa, essa può essere pulita semplicemente con un panno asciutto o con la spazzola di un aspirapolvere, non devono essere utilizzati per tali operazioni solventi, detergenti e prodotti simili. L’apertura della griglia di aspirazione, permette di accedere al filtro dell’aria e rimuoverlo, anch’esso può essere pulito con un aspirapolvere o lavato con acqua tiepida saponata per poi essere lasciato ad asciugare prima di essere riposto nell’apposito vano e dopo la pulizia dello scambiatore, comunemente detto batteria. Lo scambiatore dell’unità interna, che permette di trasmettere l’energia termica del fluido frigorigeno all’aria dell’ambiente servito, dovrebbe essere pulito almeno una volta l’anno; la pulizia deve essere effettuata con molta attenzione essendo le alette dello scambiatore particolarmente taglienti, la pulizia si può effettuare con l’ausilio di prodotti igienizzanti facilmente reperibili in commercio nel formato spray. La schiuma igienizzante deve essere spruzzata sulle alette degli scambiatori al fine di neutralizzare gli insalubri ceppi batterici ed evitarne la formazione di altri; spruzzata, la schiuma deve essere lasciata agire per circa dieci minuti, la parte che non vaporizzerà può essere rimossa con un panno asciutto. Le operazioni descritte possono essere svolte in maniera analoga anche per le unità esterne delle pompe di calore, anche se generalmente la loro allocazione richiede l’intervento di personale tecnico.

  • Agire in Sicurezza: Le operazioni su descritte devono essere effettuate rispettando le specifiche indicazioni descritte sui manuali delle macchine e le indicazioni dei prodotti acquistati in commercio; in ogni caso le operazioni devono essere effettuate dopo aver disinserito l’alimentazione elettrica delle macchine.

Corsi di Impiantista Termoidraulico Per approfondire
le offerte di formazione professionale e specializzazione per i
Corsi di Impiantista Termoidraulico,
visita il sito di Accademia e Lavoro


 
Powered by Area MediaWeb - 2019
P.IVA 02565690167 - Privacy Policy